Hiram Bingham Orient–Express per 'volare' a Machu Picchu

Pubblicato il da Andrea Ballerini

Machu Picchu, cittadella inca situata nella valle dell'Urubamba, in Perù, a circa 2.430 metri di altezza, è stata dichiarata dall'UNESCO uno dei patrimoni dell'Umanità. Il 2011 ha coinciso con la celebrazione del centenario della sua scoperta al mondo da parte di Hiram Bingham e un treno che porta il nome dell'archeologo americano, conduce in questo affascinante e magico luogo.

In Perù, nella valle dell'Urubamba, nella regione di Cusco, esiste un luogo che 'trasuda' storia e che ogni anno viene visitato da migliaia di persone. Si tratta di Machu Picchu ovvero "vecchia cima" secondo la lingua dell'impero Inca. Questo luogo è una cittadella sacra che il mondo ha conosciuto quando un archeologo americano, Hiram Bingham, scoprì un luogo dall'importanza storica immensa e ricco di reperti, che in seguito diventarono anche tema di una feroce disputa tra il governo peruviano e l'Università di Yale che solo ultimamente ha restituito migliaia di reperti portati negli States proprio da Bingham.

Machu Picchu è una meta turistica che è stata inserita nella lista dei luoghi da vedere almeno una volta nella vita e il governo peruviano sta investendo in questa cittadella che si pensa sia stata costruita intorno all'anno 1440 dall'imperatore inca Pachacútec e sia rimasta abitata fino alla conquista spagnola del 1532. La sua collocazione l'hanno resa un luogo inattaccabile e difficilissimo da raggiungere, tanto da rimanere sconosciuta per quasi quattro secoli ovvero fino alla scoperta di Bingham, sebbene altri 'esploratori' si imbatterono in questo luogo a partire da un naturalista italiano, Antonio Raimondi, che nella seconda metà dell'800 passò per Machu Picchu, senza però rendersi conto dell'importanza delle sue rovine.

Oggi Machu Picchu è una meta tra le più conosciute in America Latina e, per chi può permetterselo e fare un epico viaggio verso il cielo, esiste anche la possibilità di raggiungerla a bordo dell’Hiram Bingham Orient Express, quattro ore di viaggio attraverso la spettacolare cordigliera delle Ande, partendo dalla stazione Poroy vicino a Cusco per poi salire verso gli altipiani dove crescono patate e la quinoa, pianta che costituisce l’alimento base delle popolazioni andine e che gli Inca chiamavano ‘madre di tutti i semi’. Il treno attraversa i piccoli centri della valle e costeggia il ‘rivoltoso’ fiume Urubamba fino Aguas Calientes, cittadina dove il treno si ferma e lascia spazio agli autobus che compiono l’ultimo tratto di strada fino al santuario inca, un posto unico al mondo.

Machu Picchu Peru

Con tag America Latina

Commenta il post