Simon Bolivar, eroe e leggenda con qualche mistero

Pubblicato il da Andrea Ballerini

C'è una figura nella storia latinoamericana che rappresenta i valori dell'indipendenza e della libertà di molte nazioni del Sud America. Si tratta di Simon Bolivar, 'El Libertador', che risulta essere, in una sorta di classifica, la figura storica più importante degli ultimi 200 anni in America Latina davanti a Fidel Castro e Che Guevara e come ogni leggenda porta con se' anche qualche mistero.

La sua statua che lo raffigura quasi sempre a cavallo mentre impugna la spada, è presente in tutte le città del Venezuela, sua patria di origine, ma Simon Bolivar è un eroe e una leggenda transnazionale in America Latina. Un uomo, 'El Libertador', capace di rendere indipendenti dalla colonizzazione spagnola ben cinque Paesi : Venezuela, Colombia, Ecuador, Perù e Bolivia, quest'ultimo chiamato così proprio in suo onore.

Bolivar e la sua spada. Tanto preziosa da essere rubata nel 1974 dalla teca nella quale era custodita al museo di Bogotà. Fu rubata da un gruppo di guerriglieri, che molti anni dopo, quando si arresero consegnarono anche il prezioso oggetto, che fu subito messo nel caveu di una banca, ma ancora non si è certi se quella spada fosse veramente l'originale oppure una copia, cosa che in qualche modo 'infastidisce' il riposo dell'eroe, le cui spoglie sono al Panteón Nacional di Caracas.

Un sonno mortale quello del 'Libertador' che è stato infastidito anche dal dubbio sulla causa della sua morte, che avvenne nel 1830 a Santa Marta in Colombia nella tenuta chiamata Quinta de San Pedro Alejandrino. Era il 17 dicembre e come si legge in una nota del tempo «A la una y tres minutos de la tarde murió el sol de Colombia». Morte naturale o avvelenamento? Le sue spoglie sono state riesumate e un team di esperti hanno attentamente esaminato i resti di Bolivar, perchè il presidente del Venezuela, Hugo Chavez, sosteneva che "El Libertador" fosse stato avvelenato. Tesi smentita dai ricercatori che hanno concluso che il continuo trattamento con clisteri per risolvere un'infezione che Bolivar aveva nel colon, effettuato dal suo medico personale, Próspero Reverend, alla fine ha prodotto il disequilibrio che ha portato alla morte.

Simon Bolivar rimane indubbiamente una figura primaria nella storia della libertà dei paesi dell'America Latina e la sua lungimiranza è riscontrabile anche nei suoi pensieri, quanto mai di attualità: “Un popolo ignorante è lo strumento cieco della propria distruzione".

Statua Simon Bolivar

Con tag America Latina

Commenta il post